Ricette Tipiche, Sagre, ecc. - Italy for Tourist - Il sito per il Tursimo in Italia -

Others Language
Seguici anche su:
Privacy Policy
Vai ai contenuti

Pisa: apre il Museo sulle Antiche Navi

Italy for Tourist - Il sito per il Tursimo in Italia -
Pubblicato da in DA VISITARE · 16 Giugno 2019
LE NAVI ANTICHE DI PISA Arsenali Medicei, Lungarno Ranieri Simonelli 16, Pisa



Nel 1998, alla periferia di Pisa, verso il mare, le Ferrovie iniziarono i lavori per la realizzazione di un centro di controllo per la linea Roma-Genova a fianco della stazione di Pisa San Rossore. Immediatamente emersero oggetti di legno di cui gli archeologi compresero l’eccezionale importanza.
È emersa, a sei metri di profondità, una incredibile serie di relitti navali in eccezionale stato di conservazione, con i loro carichi di prodotti commerciali e le testimonianze della vita a bordo.
Da quella scoperta è nato il Cantiere delle Navi romane di Pisa, concluso nel 2016, che ha restituito circa trenta imbarcazioni di epoca romana e miglia di frammenti ceramici, vetri, metalli, elementi in materiale organico. Si tratta di uno dei più interessanti e ricchi cantieri di scavo e ricerca degli ultimi anni.



Oggi dopo quasi 20 anni di scavi e ricerche, 16 milioni di euro di investimento e oltre 400 persone impiegate. Sono numeri record quelli del museo delle Antiche Navi di Pisa che sarà inaugurato domenica pomeriggio agli Arsenali Medicei dal ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli. I dati sono stati illustrati oggi dal Soprintendente Archeologia, belle arti e paesaggio di Pisa e Livorno, Andrea Muzzi, e dal funzionario archeologo, Andrea Camilli, durante la visita in anteprima per la stampa del polo espositivo. Su quasi 5.000 metri quadrati di superficie sono esposti 8.000 reperti provenienti dallo scavo di San Rossore e sette imbarcazioni di epoca romana databili tra il III a.C. e il VII d.C.: quattro quelle integre



Il 'pezzo forte' del museo sono certamente le navi, fra cui spicca la Alkedo, la 'Gabbiano', "una nave a remi da diporto - racconta il direttore scientifico Andrea Camilli - che doveva essere di un facoltoso possidente. Se si guarda bene si riesce ancora a vedere l'occhio apotropaico dipinto, un caso unico al mondo. Dalla pittura che si è conservata infatti abbiamo ricostruito nel dettaglio come doveva essere l'imbarcazione, ne abbiamo fatto una ricostruzione perfetta". E' un modello di museo 'del vero' quello pisano: "Abbiamo contenuto la parte digitale, inserendo elementi didattici e di gioco, per mostrare subito agli occhi la storia ed il suo contesto. C'è grande qualità degli oggetti, ma vogliamo che emerga il racconto, il divertimento della scoperta".
Un'altra imbarcazione ha rivoluzionato il sapere sulla navigazione: "Si nota come la nave sia costruita con il modello 'a scheletro', che fino ad oggi si credeva fosse stato inventato nel Medioevo. Invece abbiamo la prova che risale già al III° secolo d.C.". E sui commerci? "Fino ad ora la storiografia individuava le produzioni agricole o i traffici in base alla tipologia di anfora: se era fatta per il vino, trasportava il vino. E invece abbiamo trovato materiali eterogenei dentro le anfore, una scoperta che avrà impatto su quanto si cedeva di sapere fino ad ora". Fra i tanti reperti Camilli mostra anche il 'Cippo della Figuretta', datato IV secolo a.C.: "E' una testimonianza dell'insediamento etrusco alle origini di Pisa. E' un pezzo rarissimo, 'da Louvre' potremmo dire".
Si possono trovare poi vesti, strumenti, giochi usati sulle navi dai passeggeri durante i viaggi... e tanto altro. "E' per noi una nuova avventura - ha detto Samantha Castelli di Cooperativa Archeologia - è un grande prestigio per noi gestire il museo dopo aver seguito tutti gli scavi. Speriamo che il nostro servizio sia gradito".



Orari
Il 16 giugno alle 18 c'è l'inaugurazione, porte aperte al pubblico gratis dalle 21 alle 23.
Lunedì 17 apertura straordinaria a bigliettazione dalle 15 alle 23.
Successivamente l’esposizione sarà aperta al pubblico il venerdì, sabato e domenica dalle 10.30 alle 18.30 e il mercoledì dalle 14.30 alle 18.30
info e contatti:
info@navidipisa.it e  tel. 050 8057880.
Per gruppi e scuole: prenotazioni@navidipisa.it e tel. 050 47029.



I Nostri Partner :
I Nostri Partner
Torna ai contenuti